salta la barra


Comune di Prato

 indietro
Protezione Civile Protezione Civile Comune di Prato
 Cerca nel sito
Gestione stati di allerta

Piano comunale: fasi di attivazione della struttura comunale

Attenzione: il 26/07/2018 con propria Delibera n. 60, il Consiglio Comunale di Prato ha adottato la nuova Pianificazione di Protezione Civile.
Dopo il previsto periodo di 45 giorni dalla sua pubblicazione (31/07/2018) in cui tutti i cittadini potranno presentare eventuali osservazioni a detta Pianificazione si procederà alla sua definitiva approvazione e conseguente entrata in vigore.
.


In base a ciò, la presente sezione, deve venir considerata valida fino al momento dell'entrata in vigore della nuova Pianificazione comunale.

E' possibile accedere alla sezione dedicata alla Pianificazione recentemente adottata in cui è interamente visionabile tutta la documentazione che la compone.

****************************

Qualora, durante l'attività di previsione, supportati dalle comunicazioni emanate dal Centro Funzionale Regionale (vedi "indirizzi operativi regionali"), sul territorio del Comune di Prato, si prospetti l'ipotesi del verificarsi di un evento prevedibile sarà fondamentale graduare una adeguata risposta del sistema complesso di protezione civile.
Il Sindaco quindi (quale autorità comunale di protezione civile -L. 225/1992), avvalendosi dell'operato della struttura comunale di protezione civile, in questo caso oppure a seguito dell'adozione di uno "stato di Allerta" da parte della Regione Toscana (sia di tipo "1" che di tipo "2"), darà corso alle fasi di attivazione previste dal Piano Comunale di protezione civile

1-Fase di Attenzione

Il personale del Servizio "Protezione civile" del Comune di Prato, al momento del ricevimento di un "Avviso di criticità moderata o elevata" oppure a seguito ella dichiarazione dello "Stato di allerta" (del tipo "1") da parte della Regione Toscana, relativamente alla previsione del verificarsi di un evento prevedibile che possa arrecare danni e conseguenze calamitose, dopo aver effettuato una preliminare valutazione del potenziale rischio previsto, attiva questa fase indacata dal Piano comunale di protezione civile e provvede a mettere in atto tutte le procedure previste in questo specifico caso.

2-Fase di Preallarme

Qualora si verifichino o persistano le condizioni negative che hanno comportato l'attivazione della fase di Attenzione oppure se il Centro Funzionale della Regione Toscana non dispone la cessazione dello stato di criticità / allerta, accertato il potenziale pericolo sul territorio o qualora la verifica dell'evolversi dell'evento lasci supporre la possibilità che il medesimo metta a repentaglio la sicurezza delle persone, dei beni e delle cose, viene attivata la fase di Preallarme.

L'attivazione di questa specifica fase prevista dal Piano comunale di protezione civile, oltre che a prevedere specifiche direttive per il personale del Servizio "Protezione civile" del Comune di Prato, comporta l'attivazione del Centro Operativo Comunale (C.O.C.).

3-Fase di Allarme

In caso del verificarsi di eventi che non abbiano una loro prevedibilità (terremoti, incidenti industriali o legati al trasporto, incendi boscivi ecc.) oppure qualora l'evento in corso, pur prevedibile, comporti un effettivo pericolo derivante, ad esempio, dal superamento delle soglie di rischio prefissate, oppure al verificarsi di particolari situazioni di disagio, viene attivata la fase di Allarme.

Durante questa fase il Centro Operativo Comunale (già attivato ed operativo, come si è visto, nella precedente fase di Preallarme - in caso di eventi prevedibili - oppure attivatosi immediatamente al verificarsi di eventi senza segnali precursori) pone in essere tutte le procedure necessarie a far fronte all'emergenza in corso.





Condividi su:


 indietro  inizio pagina