salta la barra


Comune di Prato

 indietro
Protezione Civile Protezione Civile Comune di Prato
Rischio chimico-industriale

Dettagli sull'incontro del 18 luglio 2018


Copertina della brochure sul rischio "chimico-industriale"

L'incontro

Come preannunciato ampiamente grazie a tutti i mezzi di informazione locale (conferenza stampa del 12/7/2018), lo scorso mercoledì 18 luglio, nella "sala cinema" del Museo per l'Arte Contemporanea "Luigi Pecci" di Prato, si è tenuto uno specifico incontro illustrativo organizzato dall'Amministrazione Comunale e destinato a tutta la cittadinanza avente per oggetto il rischio "chimico-industriale" nella nostra Città.

L'incontro, oltre che a rispettare un preciso obbligo di legge spettante al Sindaco, è stata l'occasione per condividere con la cittadinanza interessata specifiche problematiche in materia, oggi sempre più "sentite" quale problema reale con il quale convivere.
Parlare di un rischio così concreto in una Città avente una vocazione prettamente artigianale (principalmente tessile) si è dimostrato assolutamente essenziale e decisamente coinvolgente.

Ovviamente la serata si è principalmente concentrata nel merito dell'unica industria a rischio di incidente rilevante presente nel territorio del Comune di Prato: la Società per Azioni "Toschimica". Questa industria rientra nei parametri fissati dalle diverse direttive facenti parte della così detta "legge Seveso" e, nel dettaglio, di quanto previsto dal D.Lgs. 26 giugno 2015 n. 105 ("Sevesop Ter") in quanto la stessa detiene al suo interno quantità di diversi prodotti chimici (fra cui l'acido fluoridrico) in quantitativi a volte leggermente superiori alle soglie stabilite dalla norma stessa.
La Toscochimica SpA non produce, non manipola ne' tantomeno impiega in processi industriali l'acido fluoridrico ma si limita a importarlo in fusti adeguatamente sigillati (come previsto dalla legge) e successivamente ritrasferirlo così come è a utilizzatori finali.
In base a ciò risulta decisamente improbabile il verificarsi di qualsiasi evento connesso ad eventuale sversamento di questo materiale e, viste anche le modestissime quantità eventualmente detenute, anche nel remoto caso di incidente, gli effetti risulterebbero assi limitati e assolutamente circoscritti ad una ridottissima area di interesse (vedi in proposito la specifica cartografia delle aree a rischio presente all'interno della Pianificazione Comunale di Pratotezione Civile adottata dal Consiglio Comunale di Prato lo scorso 26 luglio - Allegato 1 / Tavola "H").

Nonostante ciò, nel pieno rispetto delle disposizioni di legge, la Prefettura di Prato (competente in proposito), a seguito di una lunga analisi e successiva verifica da parte del Comitato Tecnico Regionale (CTR) dei Vigili del Fuoco della Toscana, ha redatto lo specifico Piano di Emergenza Esterno (PEE) che, come dicevamo, è stato oggetto di dettagliata descrizione alla cittadinanza nel corso dell'incontro del 18 luglio.

All'incontro, oltre al Sindaco di Prato, hanno partecipato il Vicesindaco, l'intero staff del Servizio di Protezione Civile dell'Amministrazione Comunale, il Comandante dei Vigili del Fuoco di Prato (in rappresentanza anche della Prefettura di Prato) e il funzionario tecnico che ha seguito dall'interno del CTR l'intero iter procedurale previsto per legge, un funzionario della Azienda USL Toscana Centro (Servizio prevenzione) ed il direttore della sede di Prato dell'ARPAT.
Inoltre ha tenuto una dettagliata relazione in proposito - con particolare riferimento alla tipologia di sostanze detenute all'interno dello stabilimento ed alle dotazioni di sicurezza messe in atto dalla Società - la responsabile della Società di verifica e controllo della stessa Toscochimica SpA.
All'incontro ha inoltre presenziato l'a.d. della Società Toscochimica SpA.

Questa partecipazione ha assicurato alla cittadinanza presente, una dettagliata illustrazione di gran parte della Pianificazione Esterna, ciascuno per le rispettive competenze e permesso risposte precise e qualificate alle numerose domande pervenuete da parte della cittadinanza presente in sala.

Come risulta dal PEE nelle codì dette "aree di rischio", non sono presenti cittadini residenti ne' strutture "sensibili" (quali, ad esempio, istituti scolastici). QUesto anche in considerazione della definita vocazione industriale ed artigianale che la zona dove ha sede Toscochimica ha (Via Ettore Strobino - zona Macrolotto II). In ogni caso nell'immediate vicinanze dello stabilimento hanno sede numerose altre Ditte e Società presso le quali trovano occupazione molti addetti.

E' quindi stato particolarmente significativo che all'incontro del 18 abbiano preso parte diversi cittadini in rappresentanza di tali attività industriali presenti nella zona.

Inoltre il Sindaco ha già contattato direttamente e pubblicamente tutte le realtà industriali presenti in area offrendo la disponibilità del Servizio Protezione Civile ad intervenire (a seguito di specifica richiesta) direttamente presso le aziende al fine di ripetere le tematiche trattate lo scorso 18 luglio a uso degli addetti delle ditte stesse.

L'incontro è stato anche l'occasione per illustrare nel dettaglio l'intera brochure informativa redatta e distribuita dall'Amministrazione Comunale.

La brochure - che segue e cerca di sintetizzare il contenuto del PEE principalmente per quanto riguarda le problematiche della sostanza di riferimento e per quel che concerne gli indicatori di un eventuale pericolo connesso ad un evento in atto - è stata stampata dal Comune di Prato in 10.000 copie e, successivamente alla sua presentazione avvenuta in occasione dell'incontro con la cittadinanza, distribuita in tutti gli uffici del Comune, della Provincia, in tutte le sedi dell'Azienda USL pratesi (compreso il presidio ospedaliero e tutti i presidi sanitari periferici).

Direttamente in questa sezione del web è possibile scaricare l'intera brochure (in formato .PDF) e il servizio televisivo realizzato da Toscana TV in occasione dell'incontro con la cittadinanza dello scorso 18 luglio.





Allegati e documenti

 La brochure sul rischio chimico-industriale in formato .pdf 926 kb
 Speciale da "Toscana TV" - Incontro del 18/7/2018 in formato .avi 59213 kb

Condividi su:



Data ultima revisione dei contenuti della pagina: 21.08.2018
 indietro  inizio pagina